Politica e amministrazione

Caso Aquarius: due interviste al Prof. Savino

Questa settimana pubblichiamo due interviste rilasciate dal Prof. Mario Savino, Università degli Studi della Tuscia, sulla crisi migratoria e sul caso della nave “Aquarius” degli ultimi giorni.

“Aquarius mette in luce una lacuna del diritto internazionale”

Il drammatico caso della nave “Aquarius” ha messo in luce “una lacuna del diritto internazionale”: è chiaro che le autorità nazionali (in questo caso italiane) di coordinamento delle attività di ricerca e soccorso sono responsabili per l’indicazione del porto di sbarco dei migranti recuperati in mare, ed è chiaro che deve trattarsi di un “porto sicuro”; ma non è detto che debba essere anche il porto “più vicino”. E non è detto che debba essere per forza un porto italiano, ovvero dello stesso paese che coordina le ricerche. Lo ha spiegato, interpellato da Askanews, il professor Mario Savino, docente di Diritto amministrativo all’Università della Tuscia…

Continua a leggere su today.it

Esternalizzare le frontiere contro i viaggi della morte

Mentre nel Mediterraneo si consuma una durissima querelle tra Italia e Malta sul chi e perché ha l’obbligo di accogliere i profughi soccorsi in mare dalle Ong di mezzo mondo, dall’Europa del Nord arriva una super proposta per far fronte all’emergenza immigrazione. Secondo Le Monde, il governo austriaco, col sostegno di quello danese, sembrerebbe intenzionato a inaugurare il prossimo luglio il semestre di presidenza di turno del Consiglio UE lanciando un pacchetto di proposte che dovrebbero muoversi nell’ambito di quella, più volte sostenuta da West, che tecnicamente viene definita “esternalizzazione delle frontiere”: ovvero chiedere ai paesi di partenza e transito, in cambio di precisi accordi, di sorvegliare i loro confini e, di conseguenza, i nostri, fungendo da vero e proprio filtro dei movimenti di popolazione che dall’Africa, e non solo, vanno verso l’Europa. Tematiche assai spinose e difficilmente decifrabili soprattutto dal punto di vista giuridico. È per questo che ne abbiamo parlato con il Prof. Mario Savino, docente di diritto amministrativo all’Università della Tuscia, profondo conoscitore della materia, tra i relatori del Convegno “Le nuove frontiere dell’immigrazione” organizzato a Catania il prossimo 15-16 giugno dall’Area Democratica per la Giustizia, gruppo autonomo della magistratura associata…

Continua a leggere su west-info.eu