Diritto amministrativo europeo

I governi nazionali sono responsabili per la violazione delle quote di ricollocazione dei rifugiati?


Questa settimana segnaliamo un commento del Prof. David Moya, Università di Barcellona, sulla recente pronuncia del Tribunal Superior, che ha condannato il governo spagnolo per non aver rispettato l’obbligo di ricollocare 19.449 rifugiati dalla Grecia e dall’Italia tra il 2015 e il 2017.

I governi nazionali sono responsabili per la violazione delle quote di ricollocazione dei rifugiati? A proposito della sentenza del Tribunal Supremo sulla relocation

Alcuni giorni fa il Tribunal Supremo ha condannato il governo spagnolo per non aver rispettato l’obbligo di ricollocare 19.449 rifugiati dalla Grecia e dall’Italia tra il 2015 e il 2017. Con la sentenza del 9 luglio 2018, Il Tribunal ha ritenuto che la Spagna fosse vincolata dalle Decisioni del Consiglio di maggio e settembre 2015 che istituivano il meccanismo europeo di emergenza per la ricollocazione. Lo scopo di questo meccanismo era ricollocare da questi due paesi circa 160.000 rifugiati che arrivavano sulle coste italiane e greche durante la cosiddetta “crisi dei rifugiati” […], in modo da alleviare la tensione a cui la crisi sottoponeva i rispettivi sistemi di asilo. Questo meccanismo di ricollocazione comprendeva una serie di tabelle allegate che contenevano il numero di rifugiati che ogni Stato membro era tenuto ad accogliere nei propri sistemi di protezione internazionale (“quote”).

Visita diritticomparati.it per continuare a leggere

Dello stesso A. si segnala anche Are National Governments Liable if They Miss Their Relocation Quota of Refugees? pubblicato su verfassungsblog.de