Osservatorio sullo Stato digitale

Il dibattito sulla diffusione della tecnologia e dei suoi effetti si va sviluppando in tutti i paesi e ha ad oggetto molti profili diversi, dal ruolo delle piattaforme nella vita sociale e politica agli inediti problemi posti dalla tutela della privacy sulle medesime piattaforme, dall’utilizzo dei big data per costruire meccanismi di decisione e di giudizio alla attivazione di nuovi meccanismi di partecipazione.

In diversi paesi questi fenomeni sono già stati oggetto di disciplina legislativa, di regolazione da parte di autorità indipendenti, di controversie decise da giudici nazionali e sovranazionali. È facile prevedere che l’“incontro” fra tecnologia e diritto si svilupperà sempre più nel futuro prossimo e porterà sia alla estensione a territori nuovi di strumenti e regole già esistenti, sia allo sviluppo di nuove regole e nuovi strumenti.

Questa sezione raccoglie contributi in materia e contiene approfondimenti, commenti e recensioni su materiali relativi al rapporto tra il diritto, specialmente il diritto pubblico e il diritto amministrativo, e l’evoluzione digitale. Tutti gli scritti vengono pubblicati con cadenza bisettimanale, il martedì e il giovedì.

L’Osservatorio è coordinato da Luisa Torchia, Bruno Carotti, Marco MacchiaGianluca Sgueo.

Il Comitato di Redazione è composto da Benedetta BarmannValerio Bontempi, Bruno Carotti e Paolo Clarizia.

La redazione web è coordinata da Giuseppe Sciascia, con il supporto di Marianna Mazzarella, Camilla Ramotti, e Patrizio Rubechini.