Ordine pubblico

Il Conseil Constitutionnel si pronuncia sullo stato d’emergenza e sulla tutela dei dati

 

 


 

Il Conseil Constitutionnel si è pronunciato torna sul tema della tutela della riservatezza, dello stato di emergenza e e dei poteri dell’autorità amministrativa di raccogliere i dati personali nel corso di una perquisizione.

In particolare, il Conseil ha considerato incostituzionali le disposizioni che permettevano all’autorità amministrativa di copiare tutti i dati informatici relativi a una persona (es. tutto il contenuto di in dispositivo elettronico) al momento di una perquisizione condotta per ragion di ordine pubblico (all’interno di un regime derogatorio quale quello dello état d’urgence). Per la Corte d’oltralpe è necessario, infatti, un ordine dell’autorità giudiziaria.

La notizia è riportata dal Laboratorio per l’Innovazione Pubblica – Lab-IP (vai)