Giustizia e amministrazione

Misurazione e valutazione della performance: il parere del Consiglio di Stato

 

Logo Consiglio di Stato

Con pronuncia 21 aprile 2017, n. 917, il Consiglio di Stato ha reso parere favorevole con osservazioni sullo schema di decreto legislativo recante la riforma del ciclo della misurazione e della valutazione della performance (“Modifiche al decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150, in attuazione dell’articolo 17, comma 1, lettera r), della legge 7 agosto 2015, n.124″), volto ad ottimizzare la produttività del lavoro pubblico, garantire la trasparenza delle pa e contrastare le inefficienze e disfunzioni dell’amministrazione pubblica

Il Consiglio di Stato ha anzitutto rilevato come una simile riforma non si possa esaurire sul piano legislativo, ma richieda altre misure di accompgnamento, anche non prettamente giuridiche. In tal senso ha richiamato, esemplificativamente, le iniziative di formazione rivolte al personale, ai dirigenti e ai componenti degli OIV, finalizzate a diffondere e condividere la cultura della performance.

La Commissione Speciale ha poi svolto – oltre alle osservazioni sui singoli articoli del decreto – alcune considerazioni di carattere generale su tematiche quali la necessità di prevedere delle sanzioni per la tardiva o mancata approvazione del Piano, l’esigenza di un rafforzamento dei poteri degli OIV, l’utilità di una validazione “graduale” della Relazione sulla performance, nonché la funzione ed il ruolo delle agenzie esterne nel processo di valutazione.

 

Leggi il testo del parere