Diritto amministrativo europeo

Commissione Europea: il discorso del Presidente Juncker sullo stato dell’Unione 2017

Commissione Europea_logo

Il Presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, ha pronunciato il suo discorso sullo stato dell’Unione 2017 davanti ai membri del Parlamento Europeo a Strasburgo. Parlando delle priorità da affrontare nell’anno a venire e della possibile evoluzione della UE nei prossimi otto anni, ha auspicato un’Unione più forte, più unita e più democratica.

Vari sono stati i temi trattati, dal cambiamento climatico (a proposito del quale la Commissione presenterà a breve una proposta per la riduzione delle emissioni di carbonio nel settore dei trasporti) alla questione “vaccini”:  il Presidente ha affermato che, proprio perché non esistono cittadini “di seconda classe” all’interno dell’Unione, i bambini in Romania e in Italia devono avere la stessa possibilità di accedere ai vaccini di tutti gli altri bambini europei, ricordando che in Europa non è possibile accettare morti che sono del tutto evitabili.

Significativo poi l’intervento in tema di immigrazione, con il riconoscimento della necessità di non lasciare soli gli Stati che sono in prima linea, a causa della loro posizione geografica, nella protezione dei confini europei: “le frontiere comuni e la protezione comune devono andare di pari passo”, ha affermato Juncker. Il Presidente ha poi ringraziato l’Italia per il suo “nobile e indefesso operato”, precisando che L’Unione continuerà a sostenere, sia operativamente che finanziariamente, il nostro Paese che “sta salvando l’onore dell’Europa nel Mediterraneo”. Juncker ha anche sottolineato l’urgenza di migliorare le inumane condizioni di vita dei rifugiati in Libia, riconoscendo una “responsabilità collettiva” in capo all’Europa, che dunque non può sottrarsi alla ricerca di una soluzione, anche di concerto con le Nazioni Unite. Per il Presidente della Commissione, l’Europa non è – e non deve diventare – una fortezza, ma è – e deve rimanere – il continente della solidarietà, nel quale possano trovare rifugio i perseguitati.

Discorso sullo stato dell’Unione 2017

Schede informative sullo stato dell’Unione 2017

Brochure