Amministrazione e mercato

Presente e futuro del sistema bancario italiano

Lo scorso 19 febbraio, il vice-direttore generale della Banca d’Italia – Fabio Panetta – ha tenuto un discorso alla “Italy Day Conference” organizzata da Bank of America Merrill Lynch, nel quale ha tracciato stato e prospettive del sistema bancario italiano.

Dal punto di vista del generale contesto macroeconomico, nel discorso è evidenziato il complessivo miglioramento registrato; il dott. Panetta ha sottolineato come, nel 2017, la crescita economica si è considerevolmente rafforzata, nel quadro di un processo di stabilizzazione del rapporto tra debito e PIL cresciuto in maniera particolarmente significativa nel corso degli anni della più acuta crisi.

Due elementi contraddistinguono lo scenario bancario del recente passato e del presente: da un lato, il miglioramento dei dati relativi allo stock di crediti deteriorati, da tempo zavorra del sistema economico nel suo complesso; dall’altro, un graduale e diffuso rafforzamento del patrimonio degli intermediari, sviluppi – questi – paralleli a una complessiva ristrutturazione del sistema di intermediazione creditizia stimolata, tra l’altro, dalla riforma del credito cooperativo.

Quanto allo scenario futuro, nel discorso sono indicati tre punti chiave: le modalità più idonee a realizzare, nella cornice regolatoria europea, un’ulteriore riduzione della rischiosità degli asset bancari; il rafforzamento della profittabilità dei singoli istituti; la trasformazione dell’intermediazione finanziaria, con l’affermarsi di strumenti atti a favorire il credito alle imprese.

Il discorso è disponibile qui.