Contratti pubblici

ANAC: le linee guida definitive sui commissari di gara

anac_logo

L’ANAC ha approvato in via definitiva il testo delle Linee Guida n.5 (delibera n.1190 del 16 novembre 2016), di attuazione del d.lgs. 18 aprile 2016, n.50, recanti “Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici”.

Parallelamente, con delibera n. 1191 del 16 novembre 2016, l’Autorità ha presentato al Parlamento e al Governo una proposta di modifica dell’art. 77 d.lgs. 18 aprile 2016, n.50. In particolare l’ANAC ha proposto:

  • di rendere obbligatorio il ricorso alla Commissione giudicatrice anche nel caso di utilizzo dell’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il criterio del prezzo o costo fisso (comma 1);
  • di fissare per i lavori la soglia di 1 milione di euro, al di sotto della quale è possibile nominare, in qualità di commissari di gara, componenti interni alla stazione appaltante (comma 3);
  • di chiarire che – nei casi in cui è possibile in base al comma 3 dell’art.77 – l’eventuale nomina degli interni possa riguardare solo alcuni membri, fermo restando che il Presidente deve essere individuato tra i nominativi sorteggiati direttamente dall’Anac (commi 3 e 8);
  • che il sorteggio venga effettuato direttamente dall’Anac, con salvezza del divieto di gold plating (comma 3);
  • di inserire nella norma anche il riferimento ai reati dei privati contro la Pubblica Amministrazione (previsti nel capo II del titolo II del libro secondo del codice penale) quale motivo ostativo al conferimento di alcuni uffici e/o incarichi, in considerazione del fatto che la possibilità di iscrizione all’Albo tenuto dall’Autorità è data anche ai liberi professionisti non dipendenti della pubblica amministrazione (comma 6).

 

Leggi le Linee Guida n.5

Leggi la Relazione AIR

Leggi la proposta di modifica dell’art.77