Amministrazione e mercato

Intese restrittive della concorrenza: avviata un’istruttoria su società del servizio radiotaxi

logo agcmL’Autorità Garante della concorrenza ha avviato due istruttorie per accertare eventuali violazioni al divieto di intese restrittive della concorrenza nei confronti delle principali società di gestione del servizio radio taxi a Roma.

Secondo quanto riportato nel comunicato stampa diffuso dall’Autorità,

entrambi i procedimenti riguardano le clausole di esclusiva contenute negli atti che regolano i rapporti tra le società di gestione del servizio di radio taxi e i tassisti soci/aderenti. Tali clausole, ove applicate ad una percentuale maggioritaria dei tassisti in un dato ambito territoriale (come accade a Roma e Milano), appaiono idonee ad ostacolare, se non ad impedire, l’utilizzo simultaneo da parte dei singoli tassisti di vari intermediari per la fornitura di servizi di raccolta e smistamento della domanda del servizio taxi, ed in particolare ad ostacolare o rallentare l’ingresso nel mercato di nuovi operatori che offrono servizi innovativi di questo tipo (come l’applicazione per smartphone e tablet gestita da Mytaxi Italia S.r.l., che mette direttamente in contatto l’utenza e i tassisti e offre anche un servizio di rating dell’offerta).

Si ringrazia Silvia Simone per la segnalazione