Autorità indipendenti

AGCM: nuove sanzioni nel settore energetico

agcm_logo1

 

Con comunicato stampa del 13 giugno 2016, l’Agcm ha reso note le sanzioni applicate a cinque big del settore dell’energia: Acea, Edison, Eni, Enel Energia ed Enel Servizio Elettrico. L’Autorità, a conclusione di quattro procedimenti avviati nel 2015 a seguito di numerose segnalazioni di singoli consumatori e diverse associazioni di consumatori, ha emanato i rispettivi provvedimenti che individuano le pratiche scorrette: i meccanismi di fatturazione e le ripetute richieste di pagamento per bollette non corrispondenti a consumi effettivi da un lato, nonché gli ostacoli frapposti alla restituzione dei rimborsi dall’altro. Per le due società del gruppo Enel è stata accertata, inoltre, una terza pratica scorretta: l’addebito degli interessi di mora per tardivo pagamento, anche in caso di bollette recapitate in ritardo o non recapitate e in presenza di un reclamo in tal senso.
Altri due dati appaiono rilevanti: in primo logo, all’interno dell’istruttoria, l’Aeegsi (Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico) ha reso un articolato parere, nell’ambito della collaborazione prevista dal Protocollo di intesa tra le due Autorità, che ha permesso all’Antitrust di individuare e accertare distinte pratiche aggressive; infine, sempre nel corso dei procedimenti, gli operatori hanno proposto modifiche alle procedure utilizzate finora nella gestione delle istanze e dei reclami da parte dei consumatori e anche per migliorare i processi di fatturazione. In considerazione di questi elementi, le sanzioni sono state ridotte in misura proporzionale al grado di rilevanza ed effettiva implementazione di tali innovazioni.

 

Leggi il comunicato stampa