Osservatorio Air

Osservatorio Air – Newsletter n. 3/2012

Proseguono gli aggiornamenti dell’Osservatorio sull’analisi di impatto della regolazione.

Sono disponibili sul sito dell’Osservatorio AIR le schede di approfondimento (www.osservatorioair.it/?p=2661) sullo stato dell’analisi di impatto della regolazione nella Banca d’Italia, nell’Autorità per la valutazione dei contratti pubblici, nella Commissione di Vigilanza sui fondi pensione, nel Garante per la riservatezza dei dati personali e nell’Autorità per la concorrenza e il mercato. Le schede si aggiungono a quelle da poco pubblicate (www.osservatorioair.it/?p=2526) sulle altre Autorità indipendenti italiane con poteri regolatori.

In materia di better regulation regionale, sul sito dell’Osservatorio si segnala (all’indirizzo www.osservatorioair.it/?p=2665) la legge della Regione Emilia Romagna 7 dicembre 2011, n. 18 “Misure per l’attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema amministrativo regionale e locale. Istituzione della sessione di semplificazione”, con la quale si introducono strumenti di qualità degli atti normativi, dei procedimenti amministravi e dell’azione amministrativa nel suo complesso.

Due recensioni originali dell’Osservatorio fanno inoltre il punto sullo stesso tema: Federica Cacciatore commenta il Rapporto 2012 del Consiglio della Regione Toscana sulla qualità della legislazione regionale (www.osservatorioair.it/?page_id=2679); Fabrizio Di Mascio commenta i risultati di una ricerca di Andrea Morrone sulla qualità della regolazione nelle Regioni, pubblicata nel Numero Monografico de “Le istituzioni del Federalismo”, Quaderno 1, Anno XXXII (www.osservatorioair.it/?page_id=2618).

In materia di better regulation internazionale, sul sito dell’Osservatorio sono disponibili un commento sui (modesti) risultati dell’attività di deregolazione svolta dal Governo Cameron in Gran Bretagna (alla pagina www.osservatorioair.it/?p=2696) e una nota sui regulatory review plans delle ventisei agenzie federali statunitensi che hanno finalmente dato seguito all’Executive Order sulla retrospective analysis of existing rules del gennaio 2011 (www.osservatorioair.it/?p=2586)

Si segnalano inoltre due studi di particolare interesse: la relazione della prof.ssa Luisa Torchia “La regolazione dei mercati di settore fra autorità indipendenti nazionali e organismi europei” (www.osservatorioair.it/?p=2675); e uno studio svolto in collaborazione tra il CEPS e l’Università di Exeter (a firma di Oliver Fritsch, Claudio M. Radaelli, Lorna Schrefler and Andrea Renda e commentato da Mariangela Benedetti a questa pagina: www.osservatorioair.it/?p=2582) sulla “Regulatory Quality in the European Commission and the UK: Old questions and new findings”, pubblicato nel gennaio 2012.

Per gli aggiornamenti in tempo reale si rimanda alla sezione News del sito e alla pagina Facebook dell’Osservatorio AIR (www.facebook.com/osservatorioair).