Archivio

I limiti globali ed europei alla disciplina nazionale dei servizi

 

Stefano Battini, Giulio Vesperini (a cura di) I limiti globali ed europei alla disciplina nazionale dei servizi, Quaderno n. 4 della Rivista trimestrale di diritto pubblico, Milano, Giuffrè, 2008

Quali vincoli pone la disciplina europea e globale dei servizi a carico della regolazione delle amministrazioni domestiche? A questo interrogativo rispondono gli autori dei lavori raccolti in questo volume. I primi quattro contributi indagano i condizionamenti al diritto amministrativo procedurale e al diritto amministrativo sostanziale derivanti, prima, dall’ordinamento ultrastatale (rispettivamente Benedetto Cimino, per il primo profilo e Mariangela Benedetti e Sabrina Quintili, per il secondo) e, poi, da quello sovranazionale (nelle analisi di Giuliano Fonderico, per il primo profilo, e di Simona Morettini, per il secondo). Gli ultimi due contributi, invece, approfondiscono lo studio delle modalità e dei meccanismi di cessione del diritto di regolazione da parte di amministrazioni domestiche, anche in questo caso, sia a favore di poteri pubblici globali (Maurizia De Bellis e Elisabetta Morlino) sia a favore di poteri pubblici sovranazionali o di altri Stati (Alessandro Tonetti).

Si tratta di una ricerca collettiva che, pur muovendo da un aspetto settoriale, affronta problematiche più generali, ottenendo un risultato complessivo che aggiunge una nuova prospettiva ai contributi sinora dedicati alle interazioni tra diritto amministrativo nazionale e diritto globale. Due sono i meriti principali dell’indagine. Un primo consiste nella duplice prospettiva disciplinare adottata, rivolta a capire non solo in quale modo il diritto amministrativo si trasformi per effetto del contatto con l’ordinamento ultrastatale, ma anche in quale modo il diritto amministrativo possa essere utile per la comprensione e per la risoluzione delle problematiche globali. Un secondo merito va ascritto al fatto che si siano posti a raffronto, nella stessa sede, i due ordini di limiti al diritto nazionale, quelli sovranazionali e quelli globali. Se certamente i primi sono più noti, molto meno studiati sono, invece, i secondi, ma soprattutto meno studiata è l’interazione tra i relativi ordinamenti, europeo e globale. (Martina Conticelli)

Pubblicata in Giornale di diritto amministrativo, n. 9/2008